Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

UNA FOTO AL GIORNO: L'EBOLA ET NOUS

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: VISTI DA DIETRO: LA RAGAZZA CON IL LEVRIERO

Immagine

ARTISTI A NIZZA: JACQUES PREVERT E LES ENFANTS DU PARADIS

Immagine
In un’intervista che apparve su “Samedi-Soir” nel maggio 1946, Jacques Prévert affermò che il soggetto del film “Les Enfants du Paradis” di Marcel Carné, con Arletty, Jean-Louis Barrault, Pierre Brasseur e Marcel Herrand, venne trovato proprio sulla Promenade des Anglais. Nell’intervista, Prévert dice che fu Jean -Louis Barrault, in un caffè di Nizza, che propose l’idea, a lui e a Carné, di fare un film sui funamboli, la pantomima, il Boulevard du Crime, eccetera. Le riprese iniziarono il 16 agosto 1943 agli studi della "Victorine" a Nizza, ma dopo poco un telegramma di Vichy ordinò all’intera troupe di ritornare a Parigi perché era imminente uno sbarco degli alleati a Genova. Non accadde nulla in realtà, però le riprese non continuarono fino all’anno successivo. Malgrado questa interruzione e le difficili condizioni di lavoro, il film, che verrà presentato al pubblico solo nel marzo 1945, rimane uno dei più grandi capolavori del cinema francese.

UNA FOTO AL GIORNO: WELCOME FALL

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: DALLA FINESTRA

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: CARPA DIEM

Immagine

LUCIEN CLERGUE

Immagine
Lo scorso 15 novembre è morto un maestro della fotografia: Lucien Clergue. Lieve gli sia la terra

UNA FOTO AL GIORNO: CHORALE PAROISSIALE CECILIA

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: BY NIGHT

Immagine

A SPASSO CON ME: NICE, LE TEMPLE DE L'AMOUR

Immagine
Avenue George Sand, a Nizza, ospita Parc Chambrun, un bellissimo giardino pubblico in cui svetta le Temple de l’Amour (il Tempio dell’Amore). Questo Tempio, chiamato a volte anche  Tempio di Vesta  o Tempio di Diana, ha una sua storia. Un tempo i giardini del Parc Chambrun erano un’area verde privata, che faceva parte del castello, oggi scomparso, di proprietà di Jean Dominique Pineton de Chambrun. De Chambrun era un sociologo e un uomo politico che verso il 1876 si installò a Nizza ed acquistò la proprietà dalla famiglia Cais de Pierlas, che utilizzava l’area come giardino botanico e come zona agricola. Il conte de Chambrun affidò la creazione del parco ai fratelli Buhler. Nel 1885 chiese all’architetto nizzardo Philippe Randon di costruire un chiosco per la musica. L’architetto disegnò così il Tempio dell’Amore, la cui costruzione durò ben 5 anni e il cui costo fu di un milione di vecchi franchi dell’epoca. Il conte fece costruire questo chiosco per donarlo alla moglie, la contessa de Ch…

UNA FOTO AL GIORNO: MORIRE, DORMIRE, SOGNARE FORSE

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: LIVRES

Immagine
La lettura dei buoni libri è una sorta di conversazione con gli spiriti dei secoli passati. (Cartesio)



UNA FOTO AL GIORNO: VUOI SPOSARMI?

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: LA CHAISE BLUE

Immagine
Sabine GéraudieSabine Géraudie



Si chiama “La chaise blue” ed è stata inaugurata lo scorso ottobre a Nizza, sulla Promenade des Anglais.E non poteva esserci luogo più adatto, poiché le famose sedie blu sono il simbolo della Promenade più famosa del mondo.
L’opera è stata creata da Sabine Géraudie, conosciuta come “SAB” e, come lei stessa ha affermato, “ è la realizzazione di un sogno: fare della “sedia blu” la Tour Effeil di Nizza”.
In bella mostra dinnanzi alla Baia degli Angeli, quest’opera si aggiunge alle “9 linee oblique” di Bernar Venet e alla Statua della Libertà di Bartholdi, entrambe poste sulla Promenade, precisamente all’altezza di quai des Etats-Unis.
Christian Estrosi, sindaco di Nizza, l’aprile scorso acquistò la sedia ad una compagna di lista, per una cifra superiore ai 30000 euro e questo fatto a suo tempo suscitò alcune polemiche nel consiglio municipale: tutto il mondo è paese.
Polemiche a parte, l’opera ha un buon impatto visivo e non potrebbe esserci posto migliore in cu…

UNA FOTO AL GIORNO: CHI E' DI SCENA?

Immagine

EDWARD STEICHEN

Immagine
Edward Steichen è autore di uno degli scatti più pagati al mondo. Ma chi era Edward Steichen?  Quest’anno ricorre il centenario della prima guerra mondiale. Il conflitto del 1914-1918 vide impegnati sul fronte anche i primi fotografi di guerra della storia e fra questi Edward Steichen. Steichen, lussemburghese di nascita, venne poi naturalizzato statunitense: la sua famiglia emigrò infatti negli Stati Uniti agli inizi del Novecento, quando lui aveva pochi anni. Clicca qui per continuare a leggere



UNA FOTO AL GIORNO: LE CORBEAU

Immagine
Le corbeau (testo di Edgar Allan Poe, tradotto da Cherles Baudelaire)

« Une fois, sur le minuit lugubre, pendant que je méditais, faible et fatigué, sur maint précieux et curieux volume d’une doctrine oubliée, pendant que je donnais de la tête, presque assoupi, soudain il se fit un tapotement, comme de quelqu’un frappant doucement, frappant à la porte de ma chambre. « C’est quelque visiteur, — murmurai-je, — qui frappe à la porte de ma chambre ; ce n’est que cela, et rien de plus. » Ah ! distinctement je me souviens que c’était dans le glacial décembre, et chaque tison brodait à son tour le plancher du reflet de son agonie. Ardemment je désirais le matin ; en vain m’étais-je efforcé de tirer de mes livres un sursis à ma tristesse, ma tristesse pour ma Lénore perdue, pour la précieuse et rayonnante fille que les anges nomment Lénore, — et qu’ici on ne nommera jamais plus. Et le soyeux, triste et vague bruissement des rideaux pourprés me pénétrait, me remplissait de terre…

UNA FOTO AL GIORNO: FEUILLES MORTES

Immagine
Oh, je voudrais tant que tu te souviennes
Des jours heureux où nous étions amis
En ce temps-là la vie était plus belle
Et le soleil plus brûlant qu'aujourd'hui ...

UNA FOTO AL GIORNO: UN GIORNO COME UN ALTRO

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: SQUARE YTZAHAK RABIN

Immagine

IMMAGINI E PAROLE

Immagine

FABRIZIO LA TORRE, IL MONDO NEGLI ANNI '50

Immagine
Monte Carlo rende omaggio ad uno dei nostri fotografi italiani, testimone di un’epoca ormai sparita ma non per questo dimenticata. Sto parlando di Fabrizio La Torre, l’antitesi del paparazzo. Eh sì, perché La Torre ha immortalato gli anni ’50 del secolo scorso, ma non quelli della Dolce Vita, bensì quelli della quotidianità, evocando, con i suoi scatti, la realtà di tutti i giorni, probabilmente meno glamour rispetto alla via Veneto felliniana, ma sicuramente interessantissima sotto il punto di vista della documentazione. (clicca per continuare)

UNA FOTO AL GIORNO: ALLEE DIZZY GILLESPIE

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: ULTIME ROSE DI NOVEMBRE

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO. TORNANT AL PAIS

Immagine

UNA FOTO AL GIORNO: PPP

Immagine